Aggiornamento dai fronti

Fonte: Pierluigi Fagan

Numerosi i fronti del conflitto in atto, andremo dal micro al macro. Nel Lugansk, tutto si gioca in una cittadina, anzi un paio, che concluderebbero la presa dell’oblast che fa metà del Donbass. I russi hanno concentrato truppe locali, i riposizionati dai precedenti fronti nord ed est e nuove e fresche forze dalla Russia contro gli ucraini che lì hanno il loro maggior condensamento. Gli ucraini insistono che lì è Armageddon, la battaglia decisiva, il non poter concedere agli avversari l’obiettivo. Sul perché si possono fare ipotesi. Prima però va detto che, da un paio di giorni le intelligence britannica ed anche americana, sembrerebbero aver consigliato agli ucraini di riposizionare il fronte indietro, dicono anche perché prima o poi inevitabile, cosa che Kiev però non ha intenzione di fare. Dubito i servizi anglosassoni non sappiano la situazione sul campo e quella logistica. Ma Kiev, forse, teme che arrivati ai confini amministrativi della regione intera, i russi si attestino e smettano di avanzare, il che raffredderebbe molto l’attenzione su di loro che continuano a chiedere di tutto e di più.
Qui poi si aprono vari fronti. Da quello del grano a quello militare a quello diplomatico, ai rapporti con l’UE, con alcuni Paesi dell’UE (nel frattempo, l’Ungheria ha dichiarato lo “stato d’emergenza”), con la troika euro-occidentale. Europa che non riesce a passare dal quinto al sesto pacchetto di sanzioni antirusse per insormontabili difficoltà. Qui, l’ineffabile Ministro delle Finanze tedesco, liberale, sconsiglia di immaginarsi titoli di debito pubblico comune per finanziare la ricostruzione, mentre Macron avverte che per entrare nell’UE ci vogliono tra i 15 ed i 20 anni. Il piano di pace italiano o supposto tale è stato rubricato sarcasticamente da Medvedev come nostro affare di politica interna. Kiev ha bisogno di soldi e riconoscimento, sui soldi grandi interrogativi, non ottenere neanche l’entrata in UE perché si scopre che “non ha i parametri”, toglierebbe parecchio senso alle migliaia di morti che Kiev ha deciso di investire nel conflitto. Sui soldi, immagino che la questione sia semplicemente gigantesca, qui nessuno fa niente per niente e lì manca e mancherà sempre più, praticamente tutto, parliamo di centinaia e centinaia di miliardi in epoca di stagflazione. La stampa ha già battezzato il futuro piano “Marshall Plus”, ma gli ucraini più che i bruciori di stomaco, sentiranno altri tipi di urgenze, credo e non poche. Mi sembra si sia offerta World Bank, meno l’IMF. Chi ci metterà i denari, e tanti, a quali condizioni, per quanto tempo non è affatto chiaro. In compenso avremo ai bordi subcontinentali la nazione forse più disperata al mondo ma anche la più armata. Un affarone.
Svezia e Finlandia sono servite per farci titoloni, ma ora sono entrati nel cono grigio delle trattive con Erdogan, il quale è notoriamente un cagnaccio. Meno facile di quanto si pensi il problema degli scandinavi, soprattutto gli svedesi con le loro amicizie curde. Sono curioso di vedere la reazione nelle loro opinioni pubbliche, presso le quali non mi sembra fosse così esagerata l’opinione favorevole alla rottura di neutralità (si cita un sondaggio di settimane fa con un 56% di favorevoli, se ben ricordo) che gli svedesi hanno avuto sin dal 1814, più di due secoli quindi.

leggi tutto su https://www.ariannaeditrice.it/articoli/aggiornamento-dai-fronti

Delirio scandinavo

atlante

Forse più scemi di loro sono solo quei giornalisti ormai consacrati alla rozzezza che parlano di scelta coraggiosa invece che delirante. Quindi Stoccolma e Helsinki hanno fatto solo fatto un passo verso e la perdita di sovranità e la possibile rovina. Grazie a due modestissime bancarie

leggi tutto su https://ilsimplicissimus2.com/2022/05/22/nato-il-delirio-scandinavo-diventa-farsa/

Guerre e terra

L’Ucraina se l’è comprata l’America

Sapete perché gli Usa mandano tante armi all’ucraina? Non per carità cristiana, siatene certi. Semplicemente perché 3 grandi multinazionali statunitensi hanno comprato da Zelensky 17 milioni di ettari di ottima terra.

Si tratta di CArgill, Dupont e Monsanto (la quale è formalmente germano-australiana ma di capitale statunitense). Il 5 per cento del terreno agricolo Ucraino è stato poi acquistato dallo stato cinese.

Per capire quanto siano 17 milioni di ettari, basti pensare che tutta l’Italia ha 16,7 milioni di ettari di terra agricola.

Insomma, tre compagnie americane si sono comprate in ucraina una superficie agraria utile più vasta dell’intera italia.

E chi sono gli azionisti di queste tre compagnie?

Sempre loro: Vanguard, Blackrock, Blackstone. Cioè le stesse tre società finanziarie che controllano anche tutte le banche al mondo e tutte le maggiori industrie belliche dell’universo.

Insomma, se la suonano e se la cantano.

Ecco perché mangimi (cargill e Du pont) e concimi (Monsanto-Bayer) hanno subito aumenti clamorosi sin da prima della guerra: perché sapevano già tutto, erano informati di tutto.

E sapete quando finirà la guerra? Quando le grandi compagnie finanziarie avranno smaltito il loro stock di armi facendole pagare a noi, europei idioti, già spremuti dalla stessa combriccola che nel frattempo specula su grano, riso, mangimi, concimi.

Gli organi di informazione pompano la guerra. Per forza, sono sempre di proprietà di Vanguard, Blackrock e Blackstone. E Biden vuole la guerra. Per forza: è stato eletto dai magnifici tre.

Aveva ragione Battiato: abbocchi sempre all’amo.

Ma poi, mi chiedo io, di tutti questi soldi che se ne faranno i soliti noti – Buffet, Soros, Gates – che delle tre grandi compagnie finanziarie sono i soci palesi e occulti? Mangiano forse bank’s guarantee ed hedge founds? Boh

Cto Conte su Facebook

Misteri

E così, come nessun giornalista ha chiesto cosa ne pensassero i musicanti ucraini che il Primo Maggio sono venuti a celebrarlo a Roma, nessun giornalista, nessun analista, nessun vip geopolitico che affollano di questi tempi gli studi televisivi, ha avuto niente da obiettare allo stupefacente monologo di Zelensky per le vie di Kyev in cui celebrando in solitaria la ricorrenza del 9 maggio, tra l’altro afferma: “In futuro a questa sacra data che celebra la vittoria degli ucraini sui nazisti ne sarà affiancata un’altra, quella della vittoria sui barbari russi”. Nessuno a rammentare che negli scorsi 7 anni, a partire dalla promulgazione della legge dei divieti del 2015, la gran parte dei monumenti dedicati alla vittoria nella seconda guerra mondiale, sono stati abbattuti e in molti casi sostituiti da monumenti a Bandera. Nessuno a rilevare che nella ricorrenza del 9 maggio, da 8 anni, fin dal 2014, ci sono scontri di piazza tra filorussi e nazionalisti ucraini, con pestaggi e arresti dei russofoni-russofili.
Se a queste cose si aggiunge i fatto che, palesemente, nel 2014 in Ucraina c’è stato un golpe sostenuto dagli americani ben orchestrato dalla Nuland (quella del “si fotta l’Europa”) che, dopo il golpe, l’Ucraina che era sulla soglia della bancarotta ha ricevuto un’iniezione di milioni di dollari, è stata “attenzionata”, tanto per usare un eufemismo, dalle lobby che ruotano attorno al figlio di Biden, governata da emissari di oligarchi della peggior specie, infiltrata dalla NATO, dagli inglesi indipendentemente dalla NATO e, per finire, si è ritrovata con un comico come presidente che non per ridere ne ha fatte di ogni colore, fino al punto di far dimettere i vertici della magistratura che intendevano arginare la sua deriva da satrapo, se si tiene conto di tutto questo risulta veramente difficile capire come larghe fette della sinistra radicale si siano ritrovate partigiane per l’Ucraina.

estratto da https://www.ariannaeditrice.it/articoli/13525

Ha perso l’Europa

Tuttavia, quella che viene presentata dai media come un completo isolamento della Russia a livello globale, in realtà è una vera propria mistificazione. Nel mondo soltanto 37 nazioni hanno deciso di adottare sanzioni contro Mosca; non c’è l’Africa, non c’è il Sud America, non c’è la Cina, non c’è l’India, non c’è il 90% del mondo islamico, non c’è il Sud Est asiatico. Nella stessa Europa ci sono posizioni diverse e si va in ordine sparso: Ungheria, Bulgaria e Turchia, continuano a mantenere rapporti commerciali con Mosca mentre la Germania e la Francia temporeggiano riguardo l’interruzione dell’approvvigionamento di gas. Assieme ai paesi Baltici ed alla Polonia, tradizionali nemici dei russi e la Gran Bretagna, ormai relegata al rango di fedele scudiera degli Stati Uniti, soltanto l’Italia si trova schierata incondizionatamente con gli USA. Nei prossimi giorni Draghi volerà a Washington per ribadire l’impegno dell’Italia a rinunciare progressivamente al gas di Putin. Il suo obiettivo, sostenuto con convinzione dal PD – partito ormai sfacciatamente filo-americano – è quello di diventare l’interlocutore privilegiato di Biden in Europa, vista la prudenza di Scholz ed i tentennamenti di Macron. A settembre scadrà il mandato del segretario generale della NATO e si sussurra che Draghi punti a questa prestigiosa carica alla quale si ascende soltanto se si dimostra di essere ossequioso ai voleri di Washington e quale migliore prova di fedeltà se non quella di portare in dote la piena sottomissione dell’Italia? Il nostro presidente del consiglio ha dato la più ampia disponibilità a fornire carri armati ed armi offensive all’Ucraina senza che ci sia stato alcun dibattito in Parlamento e senza che si conosca la lista della tipologia degli aiuti militari già inviati a Kiev in quanto secretata e consultabile soltanto dai membri del Copasir.
Le sanzioni imposte inopinatamente alla Russia dai governanti europei stanno provocando gravissimi problemi. Gli aumenti dei costi energetici e delle materie prime, la chiusura di un mercato ricco come quello russo, il blocco dei beni all’estero dei cittadini di quella nazione hanno prodotto enormi danni a moltissime aziende che ora rischiano il fallimento. Le proteste dei sindacati e degli industriali tedeschi; l’opposizione delle maestranze Renault in Francia; la decisione dei calzaturifici delle Marche di continuare ad esportare in Russia, sono tutti segnali che dimostrano come qualcosa si stia muovendo. Malgrado la gigantesca e potente macchina mediatica lavori a pieno regime, i sondaggi rivelano che la stragrande maggioranza della popolazione europea non approva l’invio di armi all’Ucraina perché giustamente preoccupata della possibile escalation che potrebbe subire il conflitto il cui teatro sarebbe comunque l’Europa. Industriali, sindacalisti, operai, imprenditori del Vecchio Continente si dimostrano più realisti e lucidi dei politici nel chiedere con forza che si metta fine a questa guerra per procura, decisa da oltreoceano, che ci penalizza pesantemente e porta benefici soltanto ad una potenza: gli Stati Uniti d’America. Le forze produttrici stanno sperimentando sulla propria pelle che, in questo conflitto scoppiato, nel cuore del nostro continente, ha perso l’Europa!

estratto da https://www.ariannaeditrice.it/articoli/ha-perso-l-europa

Leo Strauss e i neocons

Fonte: Ereticamente

Alcune personalità poco conosciute al grande pubblico influenzano le idee e gli accadimenti storici molto più di protagonisti famosi. Nella Chiesa Giuseppe Dossetti, prima politico, poi monaco, riuscì a determinare molte delle conclusioni del Concilio Vaticano II e pose le basi, in Italia, per l’egemonia del cattocomunismo. A livello globale, poche personalità influenzano il presente quanto Leo Strauss, pensatore tedesco di origine ebraica emigrato negli Stati Uniti. Il suo pensiero è poco noto, la sua lezione è alla base del movimento neo conservatore e della politica di potenza. Possiamo affermare che gli straussiani – alcune decine di personalità di enorme potere – sono veri e propri architetti della guerra come strumento dell’impero americano.
Leo Strauss (1899-1973) nacque in una famiglia di stretta osservanza ebraica e in giovinezza fu affascinato dal pensiero di Heidegger – successivamente rinnegato – poi amico e sodale di Carl Schmitt, che lo aiutò nella carriera e di cui sempre condivise l’approccio filosofico realistico. Ammiratore di Hobbes, ebbe un rapporto controverso nei confronti di Niccolò Machiavelli, il fondatore della scienza politica. Studioso di Platone, polemico contro lo storicismo imperante, propugnò una sorta di ritorno agli antichi, latori di verità insieme profonde e segrete. Ciò che differenzia radicalmente il pensiero di Strauss da quello di tutti gli altri pensatori del suo tempo è la convinzione che i saggi – da sempre – abbiano fatto ricorso a una forma di scrittura basata sulla reticenza e l’occultamento, la doppiezza e il sotterfugio.
Di qui la necessità di leggere tra le righe, alla ricerca delle verità nascoste, dei simbolismi, dei messaggi cifrati, delle allusioni e degli ammaestramenti segreti, che, per non risultare distruttivi, devono rimanere appannaggio di ristrette cerchie intellettuali. Il rimprovero mosso a Machiavelli è di aver rivelato gli “arcana imperii” senza mantenere il suo magistero – che Strauss segretamente ammirava – all’interno di una ristretta cerchia di iniziati accuratamente selezionati. Strauss fu soprattutto il tenace costruttore di un modello di ordine politico orientato non al bene comune o al senso di giustizia, bensì alla potenza, fondato su una concezione secolarizzata della storia e una visione naturalistica dell’uomo.

leggi tutto su https://www.ariannaeditrice.it/articoli/leo-strauss-e-i-neocons-gli-architetti-delle-guerre

La rivoluzione

Il peccato originale di una simile moneta sta nel fatto che essendo legata a risorse reali dunque finite non può che essere essa stessa finita e non può essere la base di una finanza senza limiti che gioca sul nulla e che scommette sulla scommessa. La forza dell’elite occidentale da ormai mezzo secolo si basa invece proprio su queste logiche puramente speculative e dunque l’ascesa di sistemi diversi in parti importanti del mondo è una sfida esistenziale che non può tollerare perché il sistema neoliberista o è globale o è destinato ad afflosciarsi come un palloncino bucato Solo che sta agendo in maniera tale da favorire la nascita di sistemi alternativi come appunto accade con la guerra ucraina, ma questo è in qualche modo parte della strada senza uscita nella quale queste elite si sono infilate: la finanziarizzazione infatti diventa diventa così autoreferente da mettere in crisi l’economia reale e rischia di far divampare il fuoco delle rivolte popolari nascoste sotto la cenere mentale della Tv e degli altri sistemi di comunicazione di massa. Così è costretta a sfruttare virus e a mettere in piedi guerre per ottenere sostanzialmente due scopi: accelerare la caduta di miriadi di attività che formano il tessuto economico della società. minando la catena di approvvigionamento mondiale e cercare coinvolgimenti bellici che attutiscano nell’ uomo della strada il senso di rivolta contro la rapina di futuro.

leggi tutto su https://ilsimplicissimus2.com/2022/05/03/diavolo-dun-rublo/

La posta in gioco

Nikolai Patrushev, segretario Consiglio di Sicurezza russo

Patrushev mostra come “i tragici scenari delle crisi globali, sia negli anni passati sia oggi, sono imposti da Washington nella sua volontà di consolidare la propria egemonia, resistendo al crollo del mondo unipolare”. Gli Stati Uniti non si fermeranno davanti a nulla «per garantire che gli altri centri del mondo multipolare non osino nemmeno alzare lo sguardo, e il nostro Paese non solo ha osato, ma ha pubblicamente dichiarato che non giocherà secondo le regole imposte».

Patrushev non ha potuto fare a meno di sottolineare come la War Inc. stia letteralmente devastando l’Ucraina: questo l’ordine. Non sorprende che, a differenza della Russia, interessata al rapido completamento di un’operazione militare speciale e alla riduzione al minimo delle perdite da tutte le parti, l’Occidente sia determinato a ritardarla almeno fino all’ultimo ucraino”.

E rispecchia la psiche delle élite americane: “Stai parlando di un paese la cui élite non è in grado di apprezzare la vita delle altre persone. Gli americani sono abituati a camminare sulla terra bruciata. Dalla seconda guerra mondiale, intere città sono state rase al suolo dai bombardamenti, compresi quelli nucleari. Hanno inondato di veleno la giungla vietnamita, bombardato i serbi con munizioni radioattive, bruciato vivi gli iracheni con fosforo bianco, aiutato i terroristi ad avvelenare i siriani con il cloro (…) Come mostra la storia, la NATO non è mai stata né un’alleanza difensiva, ma solo un alleanza offensiva».

estratto da https://www.controinformazione.info/limpero-delle-bugie-e-impaziente-di-ricevere-il-biglietto-da-visita-del-signor-sarmat/

Dopo la conquista del Mar di Azov

Nel 57esimo giorno della guerra russo-ucraina, il ministero della Difesa russa ha annunciato la conquista della città di Mariupol. È tempo di analizzare come la campagna militare si sia evoluta in questi due mesi, come potrebbe evolvere nel prossimo futuro e, sopratutto, quali saranno le sue ricadute internazionali: è sempre più evidente la volontà delle potenze anglosassoni di usare il conflitto per indebolire la Russia e, allo stesso tempo, destabilizzare Germania e Italia.

Guerra per procura ad oltranza

A distanza di poco meno di due mesi dall’inizio delle ostilità russo-ucraina, il Ministero della Difesa russo ha annunciato la conquista della città di Mariupol, circa 400.000 anime sul Mare di Azov: solo il grande complesso siderurgico, facente parte del kombinat dell’acciaio costruito nel Donbass negli anni ‘30, rimane ancora in mano alle sparute truppe ucraine, ma la sua caduta è questione di tempo. La Russia ha quindi ottenuto un primo tangibile risultato strategico: ha ricreato un ponte terrestre con la penisola di Crimea (annessa nel 2014) e trasformato il Mare di Azov in lago interno. I confini russi sono così tornati, sul fronte meridionale, alla conformazione della prima metà del Settecento, quando l’impero zarista era riuscito a strappare il mare di Azov ai turchi e ad affacciarsi sui mari caldi.

È di particolare utilità ricostruire come la Russia sia arrivata a questo risultato nel corso di due mesi. Nella nostra analisi effettuata al “giorno -1”, si era ipotizzata una campagna militare in grande stile, dalla durata di 30-40 giorni, che portasse i russi sul Dnepr e, attraverso Odessa, sino al Dniestr. I fatti dimostrano invece che tale opzione, una campagna militare su larga scala in territorio Ucraino, non sia mai stata presa in considerazione dagli strateghi russi che, erroneamente, hanno creduto di potersi limitare ad una “operazione militare speciale” con fini eminentemente politici, ossia la caduta del governo di Zelensky e l’avvento di una giunta militare che restaurasse la tradizionale cooperazione tra Russia ed Ucraina. Definire “battaglia di Kiev” le operazioni protrattesi dal 25 febbraio al 31 marzo, è sbagliato: tuttalpiù si può parlare di “intimidazione di Kiev”, perché i russi non hanno mai ipotizzato in quella fase della guerra di conquistare della città. La “prima fase” della campagna militare è sintetizzabile nell’appello lanciato da Putin, il 26 febbraio 2022, ai militari ucraini, perché prendessero il potere e si liberassero della “banda di drogati e neonazisti”, facilitando l’avvio dei negoziati.

Tali calcoli si sono rivelati errati, poiché Mosca ha sottostimato il grado di penetrazione delle potenze anglosassoni nell’apparato ucraino: in otto anni (il tempo intercorso tra la rivoluzione colorata del 2014 ed oggi), Londra e Washington hanno avuto modi di insinuarsi anche nell’angolo più recondito dello Stato e dell’esercito ucraino, eliminando quegli elementi che avrebbero potuto accogliere l’appello di Putin e rovesciare Zelensky. A quel punto, i russi si sono trovati in una posizione militare tanto scomoda quanto improduttiva: una testa di ponte attorno a Kiev, alimentabile con grandi difficoltà logistiche attraverso la Bielorussia ed esposta alla guerriglia dei nazionalisti ucraini. Finché c’era la possibilità di ricomposizione politica del conflitto (i negoziati svoltisi in Bielorussia e poi Turchia), i russi sono restati alle porte di Kiev. Svanito tale scenario, si sono ritirati in buon ordine dall’Ucraina settentrionale, per conseguire obiettivi militari più concreti in quella sud-orientale: la cosiddetta “fase due”, annunciata negli ultimi giorni di marzo. La nomina del generale Aleksandr Dvornikov, già responsabile delle operazioni militari in Siria, a comandante unico del fronte ucraino, nomina annunciata il 9 aprile, può essere considerata il giro di boa della campagna, che assume connotati sempre meno politici e sempre più militari. Si noti comunque che, a distanza di due mesi dall’apertura del conflitto, la Russia non ha ancora imboccato la via della distruzione sistematica delle infrastrutture ucraine che, qualora si fosse seguito un approccio puramente militare, avrebbe dovuto svolgersi nelle primissime ore della campagna.

La conquista di Mariupol annunciata il 21 aprile, col conseguente divertimento delle truppe impegnate nella città, dovrebbe essere il prodromo della già famosa “battaglia del Donbass”, le cui basi sono state gettati dai russi conquistando, il 24 marzo, il saliente di Izyum: sulla carta si prefigura quindi come una grande tenaglia che, partendo da nord e da sud, dovrebbe chiudersi sulla città di Kramatosk. I vantaggi ottenibili dai russi sarebbero molteplici: la distruzione dell’esercito ucraino concentrato sin dall’inizio delle ostilità nel Donbass (valutabile attorno alle 40.000-60.000 unità) ed il perfezionamento dei futuri confini, così da dare compattezza alla regione da annettere alla Russia. In ogni caso, anche in caso di una severa sconfitta dell’esercito ucraino, difficilmente la “battaglia del Donbass” segnerà la fine delle ostilità.

Le potenze anglosassoni hanno infatti interesse a protrarre il più a lungo possibile il conflitto e, a tal fine, si apprestano a riversare in Ucraina quantità sempre maggiori di armi per alimentare “la resistenza”. L’Inghilterra, in particolare, che sta giocando un ruolo di primissimo piano in Ucraina, come testimonia il viaggio di Johnson a Kiev del 9 aprile, ha promesso l’invio di istruttori, artiglieria, missili anti-nave Harpoon e persino di blindati per il trasporto dei sistemi anti-aerei Starstreak. Tale attivismo britannico si spiega col fatto che, nella “terza guerra mondiale” ingaggiata dalle potenze anglosassoni contro quelle continentali per il controllo del Rimland, il quadrante europeo dell’Eurasia è affidato a Londra, mentre Washington e Canberra devono concentrarsi sul Pacifico e sulla Cina.

Cosa sperano di ottenere le potenze anglosassoni dal prolungamento ad oltranza della guerra in Ucraina, novella “Siria” nel cuore dell’Europa? Come evidenziato a più riprese nelle nostre analisi, qualsiasi comprensione geopolitica degli eventi in atto, deve abbracciare l’Eurasia nel suo complesso e perciò l’asse orizzontale Cina-Russia-Germania (con le sue molteplici diramazioni verticali in Birmania, Pakistan, Iran, Italia, etc.). Protraendo il conflitto almeno per tutto il 2022, gettando nel teatro ucraino un quantitativo sempre maggiore di armi sempre più letali, le potenze marittime anglosassoni sperano di:

– indebolire ulteriormente la Russia, così da rendere possibile la caduta di Putin e la ricollocazione strategia del Paese in funzione anti-cinese (o perlomeno la scomparsa della Russia come fattore di potenza, sull’onda di una crisi politica e di un collasso socio-economico);

– portare a termine la destabilizzazione dell’Europa, con un focus particolare su Germania e Italia.

A più riprese, infatti, si è sottolineato come gli obiettivi anglosassoni della guerra in Ucraina fossero su due fronti: quello russo e quello tedesco. Le invettive sempre più violente di Zelensky contro la leadership tedesca, rea di non fornire abbastanza armi e di ostacolare l’embargo totale ai danni della Russia, esemplificano bene questo fenomeno. Esacerbando il conflitto in Ucraina e trascinandolo fino al prossimo autunno, gli angloamericani auspicano di imporre l’agognato blocco delle forniture energetiche dalla Russia, così da gettare in una prolungata e severa recessione economica la Germania e l’Italia, che più dipendono dal gas russo. A quel punto, “l’asse mediano” dell’Europa, che ha la sua naturale continuazione in Algeria e che tende naturalmente a convergere verso Russia e Cina, sarebbe gettato nel caos o, quantomeno, gravemente indebolito, anche perché gli anglosassoni lavorano attivamente per fare terra bruciata ovunque gli italo-tedeschi possano rifornirsi, in Libia come in Angola. Ogni missile Starstreak inviato dagli inglesi in Ucraina, è un missile finalizzato a lasciare Germania e Italia a secco di energia: tutto lasciare supporre che l’autunno 2022 sarà uno dei più duri a memoria d’uomo.

Federico Dezzani

in https://www.ariannaeditrice.it/articoli/dopo-la-conquista-del-mare-di-azov

Odessa

L’esercito russo ha distrutto il terminal logistico di Odessa ripieno di armi straniere.
Rapporto serale del Ministero della Difesa russo sulla situazione nella zona
delle operazioni speciali.

Il Ministero della Difesa russo: missili a lungo raggio ad alta precisione aviotrasportati russi hanno disabilitato un terminal logistico in un aeroporto militare vicino a Odessa, dove era immagazzinato un grande lotto di armi straniere ricevute dagli Stati Uniti e dai paesi europei.

Missili ad alta precisione lanciati dall’aria delle forze aerospaziali russe hanno colpito 22 strutture militari in Ucraina. Compresi due posti di comando e osservazione del battaglione e un posto di comando della brigata, 11 punti di forza, nonché luoghi di concentrazione della manodopera e dell’equipaggiamento militare delle forze armate ucraine. Le perdite dei nazionalisti ammontavano a 200 persone e più di 30 veicoli e veicoli blindati.

Tre magazzini di armi, equipaggiamento militare e munizioni sono stati distrutti nei distretti di Ilyichevka e Kramatorsk. Vicino all’insediamento di Novaya Dmitrovka, un sistema missilistico antiaereo Buk-M1 e tre stazioni radar sono stati distrutti a seguito dell’attacco.

Sistemi antiaerei russi

► I sistemi di difesa aerea russi nelle aree di Izyum e Kherson hanno distrutto tre velivoli senza pilota ucraini, tra cui un Bayraktar TB-2 sopra l’insediamento di Lozovaya, nella regione di Kharkiv.

Truppe missilistiche e artiglieria hanno completato 102 missioni di fuoco durante il giorno. Distrutte: 6 posti di comando, 84 roccaforti e aree di accumulo di manodopera e equipaggiamento militare, oltre a 10 batterie di artiglieria.

In totale, dall’inizio dell’operazione militare speciale, sono stati distrutti: 141 aerei, 110 elicotteri, 541 velivoli senza pilota, 264 sistemi missilistici antiaerei, 2.479 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento, 278 lanciarazzi multipli, 1.081 pezzi di artiglieria da campo e un mortaio, oltre a 2321 unità di veicoli militari speciali.

Fonte: https://rusvesna.su/news/

Traduzione: Sergei Leonov