Cancellare il debito si può, parola dell’Onu

Ma niente è esplicativo delle intenzioni e delle idee quanto l’elenco dei Paesi che hanno votato no a una risoluzione che in questo stadio e poco più di una esortazione: Usa, Gran Bretagna, Canada, Israele, Giappone e Germania, ossia il display del Washington consensus, i “sinistri maestri di opulenza” come ha detto il rappresentante argentino, che risucchiano ricchezza da ogni parte, attraverso i meccanismi della finanza.

il Simplicissimus

imagesMi aspettavo che se ne parlasse almeno di sfuggita in occasione della visita del Papa argentino all’Onu e del suo discorso, mai così urbi et orbi: invece c’è stato un silenzio assoluto da parte di tutti e in particolare dei media mainstream. Nessuno ha ricordato che appena due settimane prima dell’evento l’assemblea delle nazioni unite ha votato a larghissima maggioranza ( 136 si, 6 no e 41 astenuti) un risoluzione nella quale si invoca e si prefigura una sorta di gestione internazionale delle questioni derivanti dalla eventuale ristrutturazione del debito dei Paesi  in crisi.

Mi ha stupito perché se l’iniziativa è partita ufficialmente dal delegato della Bolivia è stata in realtà portata avanti dall’Argentina che recentemente è stata vittima  del ricatto degli hedges found statunitensi i quali si sono rifiutati di aderire alla ristrutturazione del debito, accettato invece dalla massima parte dei creditori, sulla base di una sentenza della corte suprema Usa.  E’…

View original post 400 altre parole

One thought on “Cancellare il debito si può, parola dell’Onu

  1. Promesse elettorali: solo pochi giorni fa, Fernando Rosas, cofondatore del “Bloco de Esquerda”, ha cambiato la sua opinione su euro ed Europa: “la zona euro è una specie di dittatura che non permette decisioni democratiche. Quindi vogliamo rinegoziare il debito e, se necessario, siamo pronti a lasciare l’euro. Non faremo l’errore di Alexis Tsipras che è andato ai negoziati senza un Piano B.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.