Zitti zitti, piano piano

Secondo il rapporto, un’altra immagine della stessa base in ottobre mostrava in ottobre che la base era mezza vuota.
Come la compagnia statunitense ha dettagliato in una dichiarazione, una brigata, composta da diverse centinaia di veicoli corazzati tra cui veicoli da combattimento di fanteria della serie BMP, carri armati, artiglieria semovente e equipaggiamento per la difesa aerea, sono di recente arrivati alla guarnigione russa.

Foto Satellitari

Il dispiegamento vicino all’Ucraina ha smosso gli animi non solo in Ucraina, ma anche nei suoi alleati in Europa e negli Stati Uniti, che accusano la Russia di accumulare forze per lanciare un’offensiva, che prevedono sarebbe per il prossimo gennaio.
A questo proposito, la Russia nega tali piani e sottolinea che ha bisogno di promesse dall’Occidente, inclusa la garanzia dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) di non espandere l’alleanza a est, vicino ai confini russi, perché la sua stessa sicurezza è vista minacciato dai crescenti legami dell’Ucraina con l’Alleanza militare occidentale.

Il Cremlino, inoltre, ha più volte ribadito di riservarsi il diritto di dispiegare le proprie forze sul territorio russo come meglio crede, perché sono i Paesi occidentali che stanno conducendo provocatorie manovre militari vicino ai propri confini mediante un forte accumulo di truppe e mezzi militari provenienti dalle sponde atlantiche di paesi come gli Stati Uniti, il Canada e la Gran Bretagna. Un trasferimeto massiccio di forze militari ben lontano dalle frontiere di tali paesi che viene visto come una minaccia per la Russia.

Di fronte alle minacce e alle provocazioni degli Stati Uniti e dell’Europa, la Russia chiede alla NATO di rinunciare a qualsiasi attività militare sul territorio dell’Ucraina e in diversi paesi dell’Europa orientale, del Caucaso e dell’Asia centrale. Questo, nell’ambito dell’accordo che Mosca ha proposto all’Occidente per ottenere garanzie di sicurezza vincolanti.
Nota: Strano che i media occidentali focalizzino la loro attezione su quanto avviene all’interno dei confini russi e ignorino totalmente l’accumulo di unità miltari della NATO in paesi come l’Ucraina (che non è membro di questa alleanza) e negli stati baltici a ridosso delle frontiere russe. Questo dimostra che bisogna capire “chi minaccia chi” prima di puntare il dito contro la Russia. Non sembra che siano le frontiere russe che si sono avvicinate alle basi della NATO ma esattamente l’opposto.

Fonte. Hispan Tv

Traduzione e note: Luciano Lago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.