Gasdotto vitale

“Il lancio di Nord Stream 2 in sé non è critico. È importante quando e come verrà messo in funzione. Se questo processo rallenta per un anno, un anno e mezzo, due, con l’attuale balzo dei prezzi del gas, l’economia europea comincerà a sgretolarsi. Ovviamente non raggiungerà lo stato dell’Ucraina, ma nemmeno l’Europa è l’Ucraina. Le persone lì sono abituate a vivere in modo diverso e l’impatto su di loro sarà terribile. In definitiva, saranno costretti a giocare con gli europei, che hanno bisogno del sostegno politico ed economico degli Usa»-spiega l’esperto.

Borrel (UE) con Blinken, segretario USA

La Russia reindirizzerà le esportazioni di gas verso l’Asia se i problemi continuano con il lancio dell’SP-2. I problemi apparentemente non possono essere evitati in relazione al desiderio dell’establishment americano di tenere letteralmente l’Europa e la Germania, in particolare, in ostaggio della geopolitica americana.

“Le decisioni possono essere prese fino a un certo punto, poi la finestra di opportunità si chiude. E dopo un po’, sarà troppo tardi perché la Germania lo riprenda. Pertanto, è importante che gli Stati Uniti non “accendano” il Nord Stream 2, ma ne rallentino il lancio per qualche tempo, in modo che le possibilità della Germania di giocare contro gli americani si esauriscano. Poi il boccone lo “inghiotteranno” anche freddo, anche caldo, anche crudo”, riassume Ishchenko.
Il processo negoziale di Ginevra ha rivelato ormai una divisione nell’Occidente collettivo. La maggior parte delle gravi questioni relative al mondo occidentale sono state precedentemente decise dagli stessi rappresentanti degli Stati Uniti con la piena fiducia dell’Unione Europea. La situazione attuale dimostra la perdita di influenza di Washington e la volontà delle potenze europee di passare dalla supervisione statunitense al controllo indipendente. Da questo la necessità per Washington di provocare una crisi che fornisca il pretesto per far rientrare all’ordine l’Europa.

3 thoughts on “Gasdotto vitale

  1. Lo scrittore e commentatore politico americano Daniel Patrick Welch si meraviglia dell ‘”audacia” di funzionari americani come il Segretario di Stato Antony Blinken e l’ambasciatore degli Stati Uniti in Europa Michael Carpenter che affermano che la Russia sta suonando i tamburi di guerra nell’Europa orientale.

    “Indovina un po? Loro (i russi) hanno truppe nel loro paese! Ci sono 100.000 soldati vicino al confine! Sì, ecco dov’è il nemico. E sono ancora sul loro suolo. Le truppe della NATO non sono invece sul loro suolo, a meno che il suo suolo non sia ovunque e ovunque scelgano di essere”, ha detto Welch in un’intervista esclusiva al sito web di Press TV venerdì.

    L’analista ha inoltre affermato che il Dipartimento di Stato americano è completamente sottomesso alla Central Intelligence Agency (CIA) che ha sede a Langley, in Virginia.
    https://www.controinformazione.info/analista-larrogante-impero-americano-che-gioca-con-il-fuoco-nelleuropa-orientale/

    • Una volta esisteva il trattato sulla sicurezza europea (sottoscritto ad Helsinki nel 1975) ma da questo gli USA si sono ritirati come da tutti gli altri trattati sulla riduzione dei missili nucleari e da allora Washington ritiene di essere la superpotenza che può imporre le sue regole a tutti. Questo non è accettato dai paesi che non vogliono sottostare alle regole unilaterali ed alle pretese egemoniche dell’Impero USA e sono pronti ad opporsi. Un fronte formato da vari paesi oggi reclama un ordinamento internazionale di paesi sovrani e non succubi all’Impero USA, dalla Russia, alla Cina, all’Iran, alla Siria, al Venezuela, a Cuba e altri. Questo preoccupa l’elite di potere di Washington che vorrebbe decidere per tutti e dettare le sue direttive a tutto il mondo. Quell’epoca è però finita e in molti se ne son accorti.

  2. In undici mesi del 2021, il commercio bilaterale tra Russia e Italia è salito del 53,8% a 27,5 miliardi di dollari

    Putin: Russia, Italia sono riusciti a mantenere la cooperazione economica ad alto livello durante la pandemia In undici mesi del 2021, il commercio bilaterale tra Russia e Italia è salito del 53,8% a 27,5 miliardi di dollari © Alexei Nikolsky/Ufficio stampa e informazione presidenziale russo/TASS MOSCA, 26 gennaio. /TASS/. La Russia e l’Italia sono riuscite a mantenere la cooperazione economica ad alto livello durante il periodo pandemico, ha detto il presidente Vladimir Putin mercoledì all’incontro con gli imprenditori italiani. “I contatti d’affari si sono rivelati più difficili a causa della pandemia di coronavirus e la situazione generale volatile nell’economia globale non ha certamente promosso la realizzazione di nuovi progetti e iniziative”, ha detto il capo dello stato. “Tuttavia, si può affermare con soddisfazione che i nostri paesi sono riusciti comunque a mantenere la cooperazione sul binario economico a un livello piuttosto alto”, ha aggiunto. Il commercio bilaterale tra Russia e Italia è salito del 53,8% a 27,5 miliardi di dollari in undici mesi del 2021, ha detto Putin. “Credo addirittura che questa cifra supererà molto probabilmente il livello di 30 miliardi di dollari dopo la fine dei calcoli”, ha aggiunto

    L’articolo Putin:: tra Italia e Russia: aumenta di più del 50% lo scambio commerciale! proviene da Blondet & Friends.

    Send To > Keep unreadDelete

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.