La Cina punta sul nucleare

Traendo ispirazione dalle tecnologie francesi e americane, ha acquisito una maturità industriale che le consente ora di progettare e costruire reattori entro scadenze che nessun Paese può più raggiungere (da 5 a 6 anni). Il loro costo annunciato, circa 5 miliardi di euro, è molto inferiore a quello di altri reattori di terza generazione nel mondo.

I reattori cinesi di terza generazione come Hualong-1 e CAP1400 equipaggeranno principalmente nuove centrali nucleari in Cina e forse altrove nel mondo. Attualmente si propone di equipaggiare la Gran Bretagna in parallelo con le EPR francesi. Il 1 ° febbraio 2022, Argentina e Cina hanno firmato un accordo per la costruzione di un Hualong-1 nel sito nucleare di Atucha vicino a Buenos Aires. Il finanziamento del progetto sarà in gran parte fornito da un prestito di un gruppo di banche cinesi. Dopo il Pakistan, la tecnologia dei reattori cinesi sta quindi mettendo piede in America Latina… L’arrivo di un quarto operatore nucleare in Cina (Huaneng dopo CNNC, CGN e SPIC) conferma il forte desiderio della Cina di accelerare lo sviluppo della propria flotta nucleare promuovendo la costruzione nazionale al fine di aumentare la propria indipendenza in un contesto di crescenti continue tensioni con gli Stati Uniti Stati. La Cina sta anche investendo in reattori autofertilizzanti di quarta generazione e combustibili nucleari al torio. Si occupa inoltre della costruzione di reattori ad alta temperatura (HTR) per la dissalazione dell’acqua di mare e l’eventuale produzione di idrogeno.

Teleriscaldamento nucleare  Inoltre, la Cina continua a promuovere la diversificazione degli usi nucleari attraverso la produzione di calore industriale e urbano da grandi reattori di potenza AP1000 (ad Haiyang), CAP1400, e anche con piccoli reattori SMR (Small Modular Reactor), soprattutto nell’entroterra. Diversi reattori dimostrativi SMR sono previsti per il teleriscaldamento e come centrali elettriche galleggianti. Le 9 novembre 2021, elle a inauguré le « chauffage nucléaire » de la totalité de la zone urbaine de la ville de Haiyang (200 000 habitants et 4,5 millions m2) qui devient ainsi la première ville entièrement à « chauffage zéro carbone » en Cina. Le 12 caldaie a carbone sono state sostituite senza alcuna modifica per i consumatori. Il calore del vapore (non radioattivo) estratto dopo la produzione di energia elettrica viene utilizzato per produrre acqua calda trasportata dalle tubazioni alle stazioni prima di essere distribuita ai privati. Anche un’altra città della Cina meridionale utilizza parzialmente il riscaldamento nucleare (460.000 m2 riscaldati e circa 4.000 abitazioni). Ci sono anche piani per il “riscaldamento nucleare” per altre città (Qingdao, Yantai e Weihai).

Il riscaldamento nucleare non è stato utilizzato in precedenza a causa della maggiore complessità tecnica e della redditività economica incerta. Ma i cinesi scommettono che sarà più redditizio che bruciare combustibili fossili… a lungo termine. Una visione a lungo termine del nucleare cineseOggi il prezzo del riscaldamento nucleare in Cina si avvicina a quello del carbone. Tuttavia, i prezzi dei combustibili fossili continueranno a salire a causa di fattori geopolitici e della mercificazione delle emissioni di carbonio (tassa sul carbonio). Tuttavia, se l’energia nucleare richiede un investimento iniziale elevato nella costruzione, il costo del combustibile nucleare rappresenta solo una parte molto piccola dopo la messa in servizio (dal 3% al 5% del costo di produzione). Il costo di esercizio delle centrali nucleari non è quindi influenzato anche se il prezzo del combustibile nucleare aumenta bruscamente come quello dei combustibili fossili. Pertanto, il costo della produzione di energia nucleare è stabile.

Mentre l’Europa ha scelto di spararsi sui piedi scommettendo sulle energie rinnovabili, non sul nucleare, la Cina sta facendo progressi nei settori dell’arricchimento dell’uranio, degli assemblaggi di combustibili nucleari, del ritrattamento, dello stoccaggio e dello smaltimento geologico del combustibile esaurito. In un contesto politico di riduzione del nucleare, sarà difficile per la Francia mantenere il proprio vantaggio tecnologico. Sarebbe saggio sviluppare la cooperazione con i partner cinesi per sfruttare un effetto a catena ed evitare lo stallo tecnologico perché la Cina sarà il leader mondiale in tutti i giacimenti nucleari tra 15 anni, e probabilmente anche prima. Nel 2021:Sono stati avviati 6 reattori nucleari e 4 sono stati collegati alla rete.14 I reattori Hualong-1 sono in costruzione o in funzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.