Basta Ucraina

Washington e Bruxelles ammettono di essersi sparati sui piedi con le loro sanzioni. Sembra che i combattimenti in Ucraina stiano scomparendo dalle prime pagine dei giornali occidentali. Sono arrivate notizie più importanti. I futures di riferimento a Chicago sono saliti a $ 12,94 per libbra, l’unità di volume inglese utilizzata per misurare le materie prime sfuse, principalmente agricole. E, a quanto pare, continuerà a salire di prezzo. Il mercato del grano è balzato del 41% la scorsa settimana, il più grande incremento settimanale mai registrato, secondo The Edge Markets, un portale di quotazioni e prezzi.

Con i porti ucraini chiusi e gli operatori riluttanti a commerciare grano russo di fronte alle sanzioni finanziarie occidentali, gli acquirenti si stanno affrettando a trovare fornitori alternativi. Ma è improbabile che questo compito abbia una soluzione normale, se non altro perché Russia e Ucraina rappresentano circa il 29% delle esportazioni mondiali di grano, il 19% delle esportazioni di mais e l’80% delle esportazioni di olio di girasole, che compete con l’olio di soia.

Il caos del mercato causato dagli eventi in Ucraina ha raggiunto un nuovo livello tra le notizie secondo cui gli Stati Uniti stanno valutando il divieto di importazione del petrolio russo (l’8 marzo si è saputo che Biden ha imposto queste sanzioni – ndr). Ciò ha fatto seguito a un avvertimento del Fondo monetario internazionale su un impatto economico “molto grave” del conflitto e relative sanzioni contro Mosca. Il rally dal petrolio al grano, al gas naturale e al nichel minaccia la fragile ripresa economica dalla pandemia, esacerbando l’impennata inflazionistica per i paesi consumatori di energia”, riconosce Bloomberg.

I broker avvertono che l’economia globale potrebbe essere lasciata senza nichel poiché la Russia è uno dei maggiori fornitori mondiali di metallo. Ciò significa che l’industria globale perderà “l’acciaio inossidabile”, che fermerà decine di migliaia di fabbriche in tutto il mondo, dal Giappone agli Stati Uniti.

Gli analisti della Bank of America hanno affermato che un taglio di 5 milioni di bpd alle esportazioni di petrolio da parte della Russia, il secondo fornitore mondiale, potrebbe spingere i prezzi del petrolio fino a $ 200 al barile. Tutto è andato a questo scenario, ma i tedeschi per primi hanno “sbattuto le palpebre”.

Come scrivono ironicamente alcuni media occidentali, il nuovo cancelliere tedesco, Olaf Scholz , ha versato acqua fredda su Zelensky , disperdendo le speranze delle autorità di Kiev, Zelensky-Kuleba, sulla prospettiva di un embargo transatlantico coordinato su petrolio e gas russo.

“L’Europa ha deliberatamente esentato le forniture di energia dalla Russia dalle sanzioni”, ha affermato Scholz. “Fornire all’Europa energia per la produzione di calore, la mobilità, l’elettricità e l’industria non può attualmente essere garantito in nessun altro modo”.

Boris Johnson , un amico inglese dei nazisti, che sosteneva Scholz, ha versato la sua vasca di ghiaccio sulla testa dei “difensori dell’indipendenza” .

L’ aumento dei prezzi delle materie prime ha già portato a un aumento dell’inflazione negli Stati Uniti al 7,9% annuo nell’ultima settimana. Ancora un paio di settimane come questa e l’indice dei prezzi negli States raggiungerà facilmente la doppia cifra. Allo stesso tempo, la coppia euro/dollaro viene scambiata con un calo nella prima, il che significa che gli europei si sono già avvicinati alla soglia del 10% di inflazione.

Lo scenario da incubo della stagflazione, quando l’inflazione elevata si combina con la stagnazione economica, sta già diventando il prezzo del sostegno per i nazisti e banderisti in Ucraina.

“Dato che il potenziale di stagflazione è molto reale, è probabile che la BCE mantenga la massima flessibilità nel suo programma da 20 miliardi di euro [QE] nel secondo trimestre e forse anche oltre, ritardando di fatto i tempi degli aumenti dei tassi”, ha affermato Thomas Strickland , economista del NAB. . Secondo lui, “previsioni di inflazione più elevate, tuttavia, significano tassi più elevati”. E questo comporta già una “caduta libera” dell’economia dell’UE.

Nel frattempo, gli specialisti del Bruegel Economic Research Institute di Bruxelles hanno calcolato che agli attuali prezzi del gas, la Russia riceve 660 milioni di euro, ovvero circa 720 milioni di dollari al giorno, dalle esportazioni di gas solo in Europa. Se continua così, in un anno la sola UE trasferirà circa 250 miliardi di dollari sui conti della Federazione Russa.

2 thoughts on “Basta Ucraina

  1. Nel frattempo, le mani della Casa Bianca sono legate dagli accordi USA-RPC degli anni ’70, in base ai quali Washington interrompeva le relazioni diplomatiche con Taipei, le stabiliva con Pechino e riconosceva l’isola come parte della Cina. Tuttavia, la legge approvata negli Stati Uniti consente loro di aiutare Taiwan con le armi, ma non li obbliga a inviare i loro soldati a difendere l’isola.

    Pechino, naturalmente, non poteva non reagire al viaggio di Pompeo. Il quotidiano Renmin Ribao, organo del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese, ha definito Pompeo un politico anti-cinese estremamente volgare. Taipei ha anche risposto all’adeguamento della politica di Washington sulla Cina, con lo Yuan legislativo (parlamento) che ha adottato un bilancio rafforzato per la produzione in serie di 18 tipi di armi e attrezzature militari entro il 2026. Inoltre, i missili terra-terra, che sono controllati da intelligence e missili terra-aria dovrebbero essere pronti per essere consegnati alle truppe tra il 2024 e il 2025.

    A Washington è chiaro che riunire la Cina a Taiwan con il supporto della forza costerebbe caro a Pechino. Inoltre, non escludono che in un momento critico, la 7a flotta statunitense, che ha sede nelle vicinanze, in Giappone, possa venire in soccorso di Taiwan. Nel frattempo, gli Stati Uniti si aspettano anche che la RPC affronti una rappresaglia economica rapida e coordinata a livello globale da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati. Tuttavia, gli esperti americani ritengono che Pechino, rendendosi conto delle difficoltà incontrate dalla Russia, non rinuncerà ancora all’opzione di un’acquisizione militare dell’isola.

    Nei piani di Washington per la Cina, gli Stati Uniti prevedono anche di utilizzare le capacità di Mosca a proprio vantaggio, partendo dal presupposto che la Russia sarà “più conforme” e ricettiva agli interessi di Washington a causa delle molteplici sanzioni già imposte su di essa. Tuttavia, una politica simile all’uso della Cina da parte di Washington negli ultimi mesi per contrastare la Russia non ha portato agli Stati Uniti il ​​risultato sperato. Washington non è riuscita a persuadere Pechino a fare pressioni sulla Russia, nonostante abbia tenuto colloqui segreti senza successo con la Cina negli ultimi tre mesi per persuadere Xi Jinping a dissuadere la Russia dall’azione militare in Ucraina. Questo, in particolare, è stato riportato dal Daily Mail.

    Secondo il New York Times, i contatti dell’amministrazione Biden con Pechino sono iniziati a novembre, dopo che il presidente ha tenuto un video vertice con il leader cinese Xi Jinping. Pochi giorni dopo la Casa Bianca ha incontrato l’ambasciatore cinese.
    Secondo il quotidiano, funzionari statunitensi hanno detto al diplomatico cinese che gli Stati Uniti stavano pianificando di imporre severe sanzioni contro società e funzionari russi in caso di invasione russa, molto più grave rispetto al 2014, quando Mosca ha annesso la Crimea. Allo stesso tempo, secondo quanto riferito, i funzionari hanno affermato che anche i legami commerciali di Pechino con la Russia potrebbero “subire delle conseguenze”. Il New York Times ha sottolineato che i funzionari statunitensi avevano parlato con l’ambasciatore cinese almeno altre tre volte, ma l’ambasciatore Qin ha affermato che Mosca aveva legittime preoccupazioni per la sicurezza.

    Per quanto riguarda la nuova strategia statunitense nella regione indo-pacifica, pone, come ha affermato il ministro degli Esteri cinese Wang Yi in una conversazione con il segretario di Stato americano Anthony Blinken il 22 febbraio, una sfida aperta alla Cina. “Il tentativo di incorporare “Taiwan nella strategia per contenere la Cina” nella politica regionale degli Stati Uniti è un segnale sbagliato”, ha affermato il ministro degli Esteri cinese, osservando che le richieste degli Stati Uniti per una concorrenza a lungo termine con la Cina potrebbero degenerare in un “confronto totale” .
    Il sostegno di Washington alle aspirazioni indipendentiste di Taiwan minaccia un conflitto armato tra Stati Uniti e Cina, ha detto l’ambasciatore cinese negli Stati Uniti, Qin Gang, alla stazione radio statunitense NPR. “Se le autorità taiwanesi, incoraggiate dagli Stati Uniti, continueranno a percorrere la strada dell’indipendenza, molto probabilmente questo coinvolgerà la Cina e gli Stati Uniti, i due grandi paesi, in un conflitto militare, ” Egli ha detto. Allo stesso tempo, il diplomatico ha definito Taiwan “la più grande polveriera” nelle relazioni tra Pechino e Washington e ha sottolineato che la Cina cercava la riunificazione pacifica con l’isola, ma non avrebbe rinunciato alla forza, poiché era un deterrente.
    https://www.controinformazione.info/un-secondo-fronte-usa-contro-la-cina/

  2. Ma se il lavaggio del cervello operato dal mainstream nei Paesi occidentali è riuscito a veicolare una narrazione completamente falsata della realtà, altrettanto non può dirsi in Ucraina, dove la popolazione conosce tanto la corruzione della classe politica al potere quanto la sua lontananza dai veri problemi della Nazione. Noi crediamo che gli “oligarchi” siano solo in Russia, mentre essi sono presenti soprattutto nella galassia degli Stati dell’ex-Unione Sovietica, dove possono accumulare ricchezze e potere semplicemente mettendosi a disposizione di “filantropi” e multinazionali straniere. Poco importa se i loro conti offshore sono la causa principale della povertà dei cittadini, dell’arretratezza del sistema sanitario, dello strapotere della burocrazia, della quasi totale assenza di servizi pubblici, del controllo straniero di aziende strategiche, della perdita progressiva della sovranità e dell’identità nazionale: l’importante è “fare soldi”, essere immortalati con personaggi politici, banchieri, venditori di armi e affamatori del popolo. Per poi venire in Versilia o sulla Costiera Amalfitana ad ostentare yacht e platinum card al cameriere di Odessa o alla donna delle pulizie di Kiev che mandano ai parenti la paga guadagnata in nero. Questi miliardari ucraini in kippah sono coloro che stanno svendendo l’Ucraina all’occidente corrotto e corruttore, barattando il proprio benessere con l’asservimento dei loro connazionali agli usurai che si stanno impadronendo del mondo, ovunque con gli stessi sistemi spietati e immorali. Ieri tagliavano gli stipendi ai lavoratori di Atene e Tessalonica, oggi hanno semplicemente allargato i loro orizzonti all’Europa intera, in cui la popolazione guarda ancora incredula all’instaurarsi di una dittatura prima sanitaria e poi ambientale.
    https://www.ariannaeditrice.it/articoli/la-trappola-ucraina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.