Fino all’ultimo ucraino

di Karine Bechet-Golovko

La guerra in Ucraina sta prendendo una piega: la costituzione di battaglioni, non più neonazisti, ma puramente criminali. È il caso della città di Kharkov, presa in ostaggio da comuni criminali di Kiev – nel senso letterale del termine. L’Occidente ha bisogno di una guerra sporca.

Kiev non può vincere la guerra in modo pulito, per quanto una guerra possa essere pulita, quindi l’Ucraina ha accettato di combattere contro il suo stesso popolo, anche contro il suo esercito regolare, troppo indebolito dalla Russia e in gran parte disarmato. In ogni caso, l’Ucraina non ha scelta, deve lanciare fino all’ultimo ucraino in questa lotta all’ultimo sangue per l’onore, in ogni caso l’esistenza, del mondo atlantista. È il prezzo da pagare.
Questo è l’unico modo in cui l’Ucraina interessa al mondo occidentale.

Apprendiamo così dal Ministero della Difesa russo che a Kharkov si stanno formando tre nuovi battaglioni: “Slabojanchina”, “Kharkivtchina-1” e “Kharkivtchina-2”. Questi battaglioni sono composti da ex criminali, condannati per reati gravi e molto gravi, e che hanno scontato la loro pena nelle carceri locali.

Questi battaglioni hanno lo scopo di impedire la partenza di civili dalla città di Kharkov , in altre parole devono tenere in ostaggio la popolazione ucraina. E poiché i militari ucraini hanno l’idea giusta o sbagliata, a seconda del punto di vista, di arrendersi all’esercito russo, questi battaglioni criminali devono anche monitorare l’esercito e avere l’ordine di distruggere sezioni dell’esercito regolare ucraino, se questi non si mostrano obbedienti in battaglia o se tentano di arrendersi.

Il vicesegretario generale della NATO ha giustamente affermato che la prima fase del conflitto sarebbe presto finita e che la seconda fase sarebbe stata molto più sanguinosa. Il consigliere di Zelensky, Arestovitch, aveva dichiarato anche che, se l’esercito ucraino avesse presto esaurito i mezzi, ciò non avrebbe posto fine alla guerra, ma si sarebbe impegnato in tutte le strade del paese.

Tutti stanno preparando una guerra sporca. E contro questa guerra, la Russia non può vincere stando a distanza, facendo pochi colpi precisi. Se non assicura una presenza sul territorio che vuole smilitarizzare, rischia un Afghanistan ai suoi confini.

Karine Bechet-Golovko

Fonte: Russiepolitics

Traduzione: Gerard Trousson

One thought on “Fino all’ultimo ucraino

  1. Non puoi battere i russi allo scoperto quando migliaia di carri armati stanno arrivando, puoi sconfiggerli solo continuando a resistere nelle città. Allora i costi economici della guerra per i russi aumenterebbero vertiginosamente e diventerebbe politicamente inutile. Ma per difendere una città hai bisogno di cannoni anticarro portatili, missili portatili e qualche organizzazione fanatica”. Otto anni dopo, questo sembra un elenco dell’arsenale con cui il Natostan sta attualmente armando i resti dell’esercito di Kiev in una guerra che vuole sia combattuta fino all’ultimo ucraino.
    Zbigniew Brzezinski e adottato da Washington: nel maggio del 2014 aveva già fatto appello all’amministrazione Obama per dotare i “combattenti per la libertà” di Kiev di armi per riconquistare le province orientali secessioniste.
    https://ilsimplicissimus2.com/2022/04/18/morire-per-gas-la-verita-dietro-il-mercato-macello-della-nato/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.