Valute di riserva

L’Iran è saldamente legato al petro-yuan. L’Iran ora può contare su una flotta di superpetroliere, opportunamente assicurate, per esportare il proprio petrolio. Il calcolo iraniano è che la guerra economica di Washington stimolerà i prezzi del petrolio più alti. Quindi, anche se le esportazioni dell’Iran sono destinate a soffrire, il reddito energetico potrebbe non essere influenzato. Protetti da tutte queste drammatiche eruzioni, troviamo alcuni dati sorprendenti. L’Iran e la Russia possono sedere su un sorprendente valore di 45 trilioni di dollari in riserve di petrolio e gas. Il fracking americano è in gran parte un mito. L’Arabia Saudita potrebbe avere al massimo 20 anni di riserve petrolifere rimaste. Si tratta di energia – sempre. I soliti sospetti difficilmente si siederanno e si rilasseranno mentre la Russia infinitamente demonizzata, proprio come la Norvegia, costruisce una solida classe media attraverso le entrate petrolifere e gli enormi surplus delle partite correnti. Le campane d’allarme stanno per suonare, secondo le parole di “Putin ha ripreso l’OPEC”. In effetti, fu Putin a convincere Mohammad bin Salman (MBS) a combattere insieme l’offensiva degli scisti statunitensi . L’enigma dell’OPEC-plus-Iran è tutt’altro che risolto. Solo una cosa è certa; il futuro parla di guerre di risorse brutali e nascoste. Fonte: Asia Times Traduzione: Luciano Lago

pubblicato la prima volta su terzapaginaweb.com nel 2018

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.