La posta in gioco

Nikolai Patrushev, segretario Consiglio di Sicurezza russo

Patrushev mostra come “i tragici scenari delle crisi globali, sia negli anni passati sia oggi, sono imposti da Washington nella sua volontà di consolidare la propria egemonia, resistendo al crollo del mondo unipolare”. Gli Stati Uniti non si fermeranno davanti a nulla «per garantire che gli altri centri del mondo multipolare non osino nemmeno alzare lo sguardo, e il nostro Paese non solo ha osato, ma ha pubblicamente dichiarato che non giocherà secondo le regole imposte».

Patrushev non ha potuto fare a meno di sottolineare come la War Inc. stia letteralmente devastando l’Ucraina: questo l’ordine. Non sorprende che, a differenza della Russia, interessata al rapido completamento di un’operazione militare speciale e alla riduzione al minimo delle perdite da tutte le parti, l’Occidente sia determinato a ritardarla almeno fino all’ultimo ucraino”.

E rispecchia la psiche delle élite americane: “Stai parlando di un paese la cui élite non è in grado di apprezzare la vita delle altre persone. Gli americani sono abituati a camminare sulla terra bruciata. Dalla seconda guerra mondiale, intere città sono state rase al suolo dai bombardamenti, compresi quelli nucleari. Hanno inondato di veleno la giungla vietnamita, bombardato i serbi con munizioni radioattive, bruciato vivi gli iracheni con fosforo bianco, aiutato i terroristi ad avvelenare i siriani con il cloro (…) Come mostra la storia, la NATO non è mai stata né un’alleanza difensiva, ma solo un alleanza offensiva».

estratto da https://www.controinformazione.info/limpero-delle-bugie-e-impaziente-di-ricevere-il-biglietto-da-visita-del-signor-sarmat/

4 thoughts on “La posta in gioco

  1. Se il canale del ministero degli Esteri russo su YouTube viene spento, qualcuno della CNN e della BBC tornerà a casa, ha avvertito Maria Zakharova

    La rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova , ha messo in guardia l’Occidente sulle gravi conseguenze per la chiusura del canale YouTube del ministero degli Esteri Russo.

  2. “Le forze d’élite britanniche della SAS sono state in Ucraina dall’inizio della guerra, così come le forze speciali Delta degli Stati Uniti”, ha twittato il 9 aprile il giornalista francese Georges Malbrunot per il quotidiano Le Figaro , citando fonti dell’intelligence. Il giornalista ha versato i fagioli lo stesso giorno in cui il primo ministro britannico Boris Johnson ha fatto la sua visita a sorpresa a Kiev. Il primo ministro britannico era circondato da guardie appartenenti alla SAS britannica.

    Il giornalista francese veterano che è tornato dall’Ucraina dopo essere arrivato lì con combattenti volontari ha detto a CNews che gli americani erano direttamente responsabili della guerra sul campo. “Sono rimasto sorpreso, così come i volontari, di scoprire che per entrare nell’esercito ucraino, beh, sono gli americani che prendono le decisioni e che gestiscono”, ha detto Malbrunot.

  3. Oltre alle forze SAS britanniche, alle forze speciali statunitensi e agli agenti sotto copertura della CIA, ci sono circa 6.824 mercenari stranieri provenienti da 63 diversi paesi che sono venuti in Ucraina per combattere dalla parte del governo Zelensky, ha rivelato il rapporto del ministero della Difesa russo la scorsa settimana. Di questi mercenari, 1035 sono stati “eliminati” mentre ne rimangono diverse migliaia. Circa 400 combattenti stranieri sono assediati dalle forze russe e della DPR nel complesso industriale Azovstal di Mariupol, insieme a forze ultranazionaliste e neonaziste che hanno rifiutato di arrendersi.

    Il gruppo più numeroso di questi combattenti stranieri che conta il 1717 è arrivato dalla Polonia; circa 1.500 combattenti provenivano da Stati Uniti, Canada e Romania. 300 britannici, 300 georgiani e 193 combattenti della zona di controllo turca in Siria. Queste cifre sono state annunciate il 17 aprile dal portavoce del ministero della Difesa, il generale Igor Konashenkov. Secondo il generale, 1035 mercenari stranieri sono stati uccisi dalle forze russe, 912 sono fuggiti dall’Ucraina, lasciando 4877 di questi mercenari attivi nelle città di Kiev, Kharkov, Odessa, Nikolaiev e Mariupol.

    La più grande forza armata segreta che il mondo abbia mai conosciuto è quella creata dal Pentagono nell’ultimo decennio.

    Questo esercito segreto ora conta circa 60.000 membri, la maggior parte dei quali lavora lì sotto false identità e sotto profilo, tutti parte di un programma chiamato “Riduzione della firma ” (accresciuto, che rende qualcosa o persone più impercettibili). Un numero considerevole di questi appaltatori della difesa ha assistito le forze ucraine e le sue milizie neonaziste alleate per più di 8 anni in questa guerra per procura contro la Russia dal colpo di stato di Maidan del 2014 che ha rovesciato il governo di Viktor Yanukovich.

    La forza, più di 10 volte più grande degli elementi clandestini della CIA, svolge compiti in patria e all’estero sia in uniforme militare che in abiti civili, ha riportato la rivista Newsweek lo scorso maggio.

  4. Il successo dei test del nuovissimo missile balistico intercontinentale pesante russo “Sarmat” ha contribuito alla creazione di 46 complessi di questo tipo, consentendo attacchi in quasi ogni punto del pianeta.

    Al momento sono in corso i test di stato dell’ultimo missile balistico intercontinentale russo “Sarmat”, ma le prospettive per il Paese di adottare almeno 46 missili di questo tipo indicano che tali armi possono fornire un’efficace protezione della sovranità del Paese.

    Secondo le prime informazioni sulle capacità distruttive del missile russo Sarmat, la capacità totale di 46 missili balistici intercontinentali pesanti Sarmat è tale da essere in grado di distruggere un’area di circa 18,5 milioni di chilometri quadrati. Questo, ad esempio, è paragonabile all’area totale di paesi come Stati Uniti e Canada.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.