La polveriera del Donbass

Putin con Xi-Jinping

La situazione in Donbass è sempre più critica: 150 mila soldati dell’Esercito e della Guardia Nazionale ucraini sono schierati di fronte a Donetsk e Lugansk, abitate da popolazioni russe. In prima linea c’è il battaglione neonazista Azov, promosso a reggimento di forze speciali, distintosi per la sua ferocia negli attacchi alle popolazioni russe di Ucraina, comandato da Andrey Biletsky che educa i giovani all’odio contro i Russi col suo libro «Le Parole del Führer Bianco». 

Dello schieramento ucraino non fa parola il mainstream, che parla solo dello schieramento russo. Si nasconde allo stesso tempo il fatto che le forze armate di Kiev sono finanziate, equipaggiate e addestrate, e quindi di fatto comandate, da consiglieri militari e istruttori USA-NATO. Come documenta lo stesso Servizio di Ricerca del Congresso, USA e NATO hanno fornito all’Ucraina aiuti militari per 10 miliardi di dollari. Vi sono inoltre quelli di singole potenze: la Gran Bretagna investe 1,7 miliardi di sterline per dare alla marina militare ucraina 8 unità lanciamissili veloci e costruire basi navali sul Mar d’Azov, incuneato nel territorio russo.

Altri 10 miliardi di dollari di investimenti sono previsti dal piano di Erick Prince, fondatore della compagnia militare privata statunitense Blackwater, di creare in Ucraina un esercito privato. La Blackwater, ora ridenominata Academy, ha fornito mercenari alla CIA e al Pentagono per operazioni segrete. Particolarmente allarmante è la presenza, nella regione di Donetsk, di mercenari USA probabilmente dotati di armi chimiche. Potrebbe essere la scintilla che provoca la deflagrazione di una guerra nel cuore dell’Europa: un attacco chimico contro civili ucraini nel Donbass, subito attribuito ai Russi di Donetsk e Lugansk, che verrebbero attaccati dalle preponderanti forze ucraine già schierate nella regione, per costringere la Russia a intervenire militarmente a loro difesa. 

Manlio Dinucci

https://byebyeunclesam.wordpress.com/2022/02/04/la-polveriera-del-donbass/

2 thoughts on “La polveriera del Donbass

  1. I due statisti, riunitisi a Pechino in occasione delle Olimpiadi, hanno condannato Usa e Nato e hanno annunciato la loro cooperazione senza restrizioni: Putin e Xi hanno rilasciato oggi la loro dichiarazione. (Primavera russa).
    Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sulle relazioni internazionali che entrano in una nuova era.

    La dichiarazione, firmata oggi in un incontro tra i leader dei due Paesi , è stata pubblicata sul sito ufficiale del Cremlino.

    Putin e Xi hanno rivolto un appello a tutti gli Stati, chiedendo maggiore dialogo e fiducia reciproca, e la difesa di un sistema internazionale basato sulla centralità dell’Onu.

    Si sottolinea che entrambi i paesi resisteranno all’interferenza di forze esterne che vogliano inserirsi con qualsiasi pretesto negli affari interni dei paesi sovrani.

  2. Se qualcuno volesse capire fino in fondo la natura attuale della Nato, basterebbe che meditasse sul fatto che il suo segretario generale Jens Stoltenberg, in carica dal 2014, lascerà tra qualche mese, precisamente a settembre il suo incarico per diventare governatore della banca centrale norvegese, carica alla quale è già stato chiamato in via ufficiale. Un passaggio quasi simbolico che attesta la trasformazione dell’alleanza militare tra Paesi, sia pure in rapporti di sudditanza coloniale con gli Usa, a strumento di offesa militare al servizio delle elites finanziarie. Queste ultime infatti hanno la possibilità di rimanere in sella solo se il loro “sistema” resta quello di riferimento planetario e dunque devono ad ogni costo impedire che si diffonda qualunque forma di multipolarismo, anche a costo di sacrificare milioni di vite. Ed ecco la ragione dell’ossessione antirussa e anticinese che viene portata avanti con la tipica ottusità americana, della quale non ci accorgiamo semplicemente perché l’abbiamo introiettata. Apparentemente non è cambiamo molto, nel senso che siamo sempre di fronte ai tentativi di Washington di allargare la sua influenza ad est, sud e ovest cosa assolutamente comprensibile visto che gli Usa sono strutturalmente come uno squalo che deve andare avanti altrimenti muore soffocato, ma ciò che è cambiato è che Washington stessa non rappresenta più una nazione, ma gruppi di potere che vivono nel territorio grigio tra politica ed economia.
    La narrazione pandemica è esattamente la prima palese creazione di questa nuova America dove tutto l’apparato democratico è diventato un mero trompe l’oeil, una scenografia dietro la quale si muovono esclusivamente interessi privati: addirittura si è arrivato ad eleggere un personaggio ormai in palese declino mentale e che per di più in passato è stato al centro di oscure vicende di morte, come in Colombia, ma è stato un fervente razzista: una delle sue prime imprese politiche è stata una campagna per impedire che gli scuolabus potessero ospitare contemporaneamente bianchi e neri, esprimendo apertamente il timore che i suoi figli potessero vivere “in una giungla razzista”. Non dico questo per infierire contro un demidiato che non riesce nemmeno più a leggere i gobbo e che si fa dettare tutte le dichirazioni, ma per sottolineare tutta l’artificialità, la strumentalità e la superficialità senza pari della cultura offerta dalle oligarchie e diventata ben presto obbligatoria.
    In questo panorama si parla apertamente della creazione di eserciti privati, organizzati da signori della guerra come Blackwater (oggi Academy) che di fatto sono in grado di dare vita autonomamente a conflitti e di gestirli secondo le loro logiche rivolte al profitto e di fatto non più sotto un vero controllo politico. Il capo di quest agenzia di mercenari ha proposto di mettere assieme un esercito per fare la guerra in Ucraina e di certo non gli mancherebbero i mezzi finanziari per farlo attraverso fondi pubblici e contribuzioni della grande finanza privata che di certo potrebbe mettere mano su asset dei Paesi conquistati e devastati con queste truppe private. Tutto questo forse ancora più della pandemia ci fa vedere a he punto di decozione è l’occidente e di come siano finite al macero le sue istituzioni, altro che i valori di cui parla Draghi che per la verità riconosce solo quelli del furto e delle ruberie finanziarie. Ma davvero gli italiani dovrebbero cominciare a chiedersi cosa ci stia a fare in tutto questo il nostro Paese, che senso abbia rimettersi la caccavella di Scipio pur sapendo di contare poco o nulla in eventuale guerra circoscritta, ma con la certezza di essere uno dei bersagli di riferimento nel caso che un conflitto diventasse globale. Non sarebbe l’ora di smetterla di lasciar fare?
    https://ilsimplicissimus2.com/2022/02/05/gli-imbrogli-della-nato-dei-banchieri/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.